CORSO PER LETTORI NELLA LITURGIA

Un breve percorso per sensibilizzare e realizzare in un modo migliore, un servizio importante nella liturgia. Si svolgerà in cinque incontri ( cinque vederdì di Quaresima ).

Il primo appuntamento è venerdì 8 marzo 2019 alle ore 21 presso la sacrestia del Santuario S. Antonio a Chianciano. 

 Speriamo di essere numerosi !

LA FORMAZIONE DEL LETTORE LITURGICO

Da: Concilio Vaticano II, Costituzione Liturgica, Sacrosanctum Concilium: Bisogn che [i lettori]
siano educati con cura… allo spirito liturgico, e siano formati a svolgere la propria parte secondo le
norme stabilite” (29)

Da: Ordinamento Generale del Messale romano (2002)
(101/66)) Se manca il lettore istituito, altri laici, che però siano adatti a svolgere questo compito e
ben preparati, siano incaricati a proclamare le letture della Sacra Scrittura, affinché i fedeli
maturino nel loro cuore, ascoltando le divine letture, un soave e vivo amore della sacra Scrittura.

Da: Premesse all’Ordinamento delle Letture della Messa (1981)
(55) «… È necessario che i lettori incaricati di tale ufficio, anche se non ne hanno ricevuto
l’istituzione, siano veramente idonei e preparati con impegno».
Questa preparazione deve essere soprattutto spirituale; ma è anche necessaria quella
propriamente tecnica.
La preparazione spirituale suppone almeno una duplice formazione: quella biblica e quella
liturgica.
La formazione biblica deve portare i lettori a saper inquadrare le letture nel loro contesto e a
cogliere il centro dell’annunzio rivelato alla luce della fede.
La formazione liturgica deve comunicare ai lettori una certa facilità nel percepire il senso e la
struttura della liturgia della parola e le motivazioni del rapporto fra la liturgia della parola e la
liturgia eucaristica.
La preparazione tecnica deve rendere i lettori sempre più idonei all’arte di leggere in pubblico,
sia a voce libera, sia con l’aiuto dei moderni strumenti di amplificazione.